Categorie  ROSICCHIARECENSIONI

Vera la mongolfiera

“Vera la mongolfiera”

di Emanuela Busà e Daniela Volpari

Glifo Edizioni, 2020

a partire da 7 anni

Thomas non è un bambino come gli altri, ma non ha nemmeno qualche potere particolare, a lui piace ascoltare la voce degli alberi.

“Gli alberi non parlano” gli ripetono i suoi compagni di scuola, ma lui non è d’accordo, è vero che non hanno una voce ma parlano moltissimo, soprattutto a chi li sa ascoltare.

Gli alberi sussurrano…

Thomas possiede una piccola mongolfiera giocattolo che gli ha costruito il nonno Tranquillo: Vera. La piccola Vera è una mongolfiera in miniatura, ma ha tutto il necessario per poter volare: un pallone, un minuscolo braciere e due zavorre di sabbia che somigliano a due codini, ma Thomas la tiene legata ad un “filo di sicurezza” o la appoggia sul davanzale, perché Vera non vola (anche perché non sa volare, e comunque ha paura del vuoto).

Così con Vera nella sua stanza Thomas sa di avere un’amica a cui confidare tutti i suoi pensieri.

Però un giorno mentre Thomas parla con Vera della foresta tropicale, una folata di vento la cattura la piccola mongolfiera e la trasporta lontano, fra le nuvole…

Il vento che cattura Vera è il vento di Levante e ha deciso di accompagnarla nella foresta tropicale perché ha udito il suo desiderio di visitarla.

E’ un viaggio molto lungo per chi non ha mai volato!

Durante il viaggio vera fa la conoscenza di tanti di uccelli e incontra anche un altro vento, il Pampero, un vento freddo che si scontra con Levante dando origine ad una tempesta tropicale proprio quando sorvolano il Rio delle Amazzoni (il fiume più grande del mondo).

Vera cade tra in fogliame e, nella corolla di una bellissima orchidea, incontra un colibrì che si offre di aiutarla. La mongolfiera deve riuscire a tornare in alto, sopra le cime degli alberi, perché in mezzo alla foresta il vento non riesce a passare. Ma come può farlo Vera se non sa volare?

Così il piccolo colibrì insieme a due tucani, un pipistrello, una farfalla e un pappagallo decidono di aiutare Vera a tornare nel cielo, ma lei ha paura di volare. Eppure è nata per il volo ma, come le dice la farfalla, la sua voglia di volare deve superare la sua paura di cadere.

Vera incontra davvero tante creature volanti nel suo viaggio verso la foresta tropicale, ed ognuna ha il suo particolare modo di volare: il gufo è silenzioso, l’albatro si affida ai venti, il pipistrello vola dopo il tramonto, la farfalla sogna di solcare il cielo quando è solo un bruco… ma adesso Vera deve trovare il modo di volare perfetto per lei.

Riuscirà Vera a tornare a casa?

Una storia delicata con una protagonista gentile che alla fine riesce a trovare il suo posto nel mondo e il suo personalissimo modo di volare.

In questo viaggio fantastico troverete anche tante informazioni sulla geografia e sugli animali che incontra Vera durante la sua avventura.

H!

(immagine: la copertina del libro)

INSTAGRAM: instagram.com/ilrosicchialibri

Il Rosicchialibri

I commenti sono chiusi.