Categorie  ROSICCHIARECENSIONI

ROSSI CONTRO BLU

ROSSI CONTRO BLU

di Benjamin Leroy

Sinnos, 2020

a partire da 5 anni

La Fortezza Blu è in fermento, si sta preparando a muovere guerra alla Fortezza Rossa sulla collina antistante. Il comandante Barbablù è intenzionato a fare a pezzettini Rossofuoco! Ma anche nella Fortezza Rossa i cavalieri Rossi sono pronti a ridurre i Blu in polpette molto molto piccole…

“Viva i Blu, abbasso i Rossi!”.

“Rosso a più non posso! Di Blu non se ne può più!”.

Tutti d’accordo?

Domani mattina si parte!

E l’indomani i Blu e i Rossi armati di tutto punto si infilano nel bosco che separa le due fortezze per muovere guerra ai vicini.

Nel bosco però i Blu inciampano in un piccolo cavaliere nero che sta facendo un gioco: il gioco delle code.

Anche i Rossi si imbattono in un cavaliere verde (anzi, una cavalierina!) molto concentrato a vincere il gioco delle code.

Ma che gioco è?

E’ facile: chi cattura più code all’avversario vince!

Il gioco delle code sembra interessante, forse la guerra può aspettare… però i Blu sono troppo blu per giocare, bisogna vestirli di nero, anche i Rossi sono troppo rossi, è meglio “truccarli” di verde.

E poi?

E poi si gioca!

Un delizioso albo illustrato con pochissimi colori (ma quelli necessari a raccontare la storia ci sono tutti) che affronta il tema della guerra e propone una valida alternativa: il gioco.

Un mio amico un giorno mi disse che la palla è lo strumento che salverà il mondo, perché ovunque c’è un pallone c’è qualcuno che prima o poi lo prende a calci e comincia a giocare.

Ecco, questo libro parla proprio di questo: il gioco è una sirena che incanta e riesce a fermare anche gli eserciti. E’ qualcosa che a noi esseri umani viene naturale perché fa risuonare tutte quelle corde che abbiamo dentro e ci fa venir voglia di tornare bambini. E poi quando si gioca si diventa tutti uguali, un po’ si vince, un po’ si perde, ma lo scopo è stare insieme.

Ovviamente anche dei soldati armati fino ai denti non sono esenti dalla magia del gioco.

Quindi ecco il nuovo slogan: “la guerra separa, il gioco unisce!”.

Un racconto sull’inutilità della guerra che suddivide gli uomini in colori e sul potere dei bambini che attraverso il gioco possono fare qualunque cosa.

Piccola anticipazione: finito il gioco delle code ne comincia un altro.

H!

www.sinnos.org/

(immagine: la copertina del libro)

INSTAGRAM: instagram.com/ilrosicchialibri

Il Rosicchialibri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*