Categorie  ROSICCHIARECENSIONI

L’ultimo regalo di Babbo Natale

“L’ultimo regalo di Babbo Natale”

di Marie-Aude Murail e Elvire Murail

illustrazioni di Quentin Blake

Camelozampa, 2019

(6 – 7 – 8 anni)

Julien ormai è grande, non crede più a Babbo Natale, ma decide di non dire nulla per fare felici i suoi genitori.

La mamma gli dice di scrivere la letterina quest’anno, perché l’anno prossimo sarà troppo grande per Babbo Natale.

Così Julien decide di chiedergli una console per videogiochi.

La mattina di Natale la console è sotto l’albero, ma fra la carta e i pacchetti c’è un regalo più piccolo che Julien non si aspettava: un pacchetto che contiene una locomotiva a vapore di legno.

Julien si innamora subito di quel giocattolo da bambini che sembra guardarlo con i suoi grandi occhi dipinti, e decide di chiamarla Juliette.

Intanto la console davanti alla locomotiva perde immediatamente il suo fascino.

Il papà di Julien però gli ricorda che quello è un giocattolo da “bambini piccoli” caduto sicuramente dal sacco di Babbo Natale che tornerà a riprenderlo il prossimo Natale.

Julien e Juliette diventano amici, non passano solo le vacanze di Natale insieme, ma durante tutto l’anno non si lasciano mai, diventando compagni di giochi inseparabili. Julien trascorre ore a far correre le ruote di Juliette e quando lui torna da scuola lei è lì ad aspettarlo.

Torna l’inverno, e con lui il Natale, Julien ha paura che Babbo Natale gli porti via Juliette, ma come può separarsi da lei?

A Julien si spezza il cuore, ma decide comunque di scrivere una lettera (l’ultima lettera a Babbo Natale) prima di congedarsi da Juliette.

E quella notte Babbo Natale porta a Julien il suo ultimo regalo.

I genitori di Julien hanno acquistato i regali di Julien facendogli credere che erano di Babbo Natale, così quando Julien chiede un regalo costoso decidono di accontentarlo ancora una volta, però si limitano a soddisfare un capriccio di Julien, invece Babbo Natale gli porta quello di cui aveva veramente bisogno: un’amica di legno dipinta con colori brillanti.

Forse non è un caso se Julien chiama la sua locomotiva Juliette, è il nome che dà al proprio bisogno di avere ancora una compagna di giochi prima di diventare grande. E’ un pezzetto della sua anima che vuole ancora credere a Babbo Natale, che vuole credere che tutto è possibile, e alla fine viene premiato.

Camelozampa ci consegna un altro piccolo capolavoro illustrato da Quentin Blake con tante chiavi di lettura e tanto (tantissimo!) spirito natalizio.

H!

www.camelozampa.com/

(immagine: la copertina del libro)

INSTAGRAM: instagram.com/ilrosicchialibri

Il Rosicchialibri

I commenti sono chiusi.