Categorie  ROSICCHIARECENSIONI

IL DRAGO CHE NON AMAVA IL FUOCO

IL DRAGO CHE NON AMAVA IL FUOCO

di Gemma Merino

Valentina Edizioni, 2021

a partire da 4 anni

“C’era una volta una piccola draghetta che non amava il fuoco…”.

Comincia così questo nuovo libro di Gemma Merino, l’autrice spagnola che ci ha già fatto intenerire con i suoi personaggi fuori dagli schemi.

Prima che cominci la storia il lettore è testimone di uno scambio di uova nel nido di un drago: un uovo azzurro viene posizionato vicino alle altre uova da un topolino.

Quando nascono i piccoli draghi sono tutti verdi, tranne una draghetta che ha un bel colore turchese.

Presto i draghetti cominciano ad esercitarsi con il fuoco tranne la draghetta che non riesce a produrre nemmeno una scintilla (e a dirla tutta non ama davvero il fuoco).

Poi ai piccoli draghi cominciano a spuntare le ali e imparano a fare acrobazie nel cielo, tranne la draghetta che rimane a terra senza ali ad osservare i suoi fratelli.

La draghetta è molto triste, vuole che suo padre sia orgoglioso di lei, ma anche se ce la mette tutta non riesce proprio a fare quello che fanno gli altri.

Però c’è una cosa che alla draghetta riesce particolarmente bene: nuotare! L’acqua per lei è FANTASMAGORICA, a differenza degli altri draghi che non possono bagnarsi perché l’acqua spegne il fuoco.

Però un drago non nuota… suo papà sarà comunque orgoglioso di lei?

Ecco un altro personaggio che si trova a vivere in una famiglia che la fa sentire inferiore. La draghetta è davvero demoralizzata: non riesce (secondo lei) a rendere orgoglioso suo padre, ma alla fine scopre che lui è orgoglioso comunque perché ama la sua diversità.

Questo libro fa pendant con “Il coccodrillo che non amava l’acqua” della stessa autrice (che sono collegati dalle immagini iniziali e finali dello scambio delle uova), ma qui leggiamo una situazione completamente capovolta che sottolinea con la stessa delicatezza il disagio di vivere in una famiglia a cui si sente di non appartenere. Quindi alla fine spetta all’adulto accogliere con un amore ancora più grande quell’uovo che non fa parte della nidiata, ma che ha comunque delle grandi doti da scoprire e valorizzare.

Della stessa autrice:

IL COCCODRILLO CHE NON AMAVA L’ACQUA, Valentina Edizioni 2014

LA MUCCA CHE VOLEVA IMPARARE A VOLARE, Valentina Edizioni 2016

LA PECORA CHE SAPEVA COVARE, Valentina Edizioni 2017

LA LEPRE CHE ANDAVA DI FRETTA, Valentina Edizioni 2019.

H!

www.gruppoeditorialebrioschi.it/valentinaedizioni/

(immagine: la copertina del libro)

INSTAGRAM: instagram.com/ilrosicchialibri

Il Rosicchialibri

I commenti sono chiusi.