Categorie  ROSICCHIARECENSIONI

GIOCHIAMO CON LA FOTOGRAFIA

GIOCHIAMO CON LA FOTOGRAFIA

testo, foto e disegni di Enrico Maddalena

Il castello, 2021

a partire da 7 anni

Cosa occorre per fare una bella fotografia?

Ovviamente attrezzature costose e macchine sofisticate… INVECE NO!

Con i suggerimenti giusti anche uno smartphone può diventare lo “strumento giusto”.

La fotografia parte da un’idea, da un’intuizione, dalla luce e poi dalla composizione, tutte cose che nei negozi non si possono acquistare.

Le macchine fotografiche digitali sono studiate apposta per fare solo fotografie, quindi saranno sempre gli strumenti giusti per realizzare una bella foto, ma lo smartphone lo portiamo sempre con noi e -grazie a lui- possiamo essere pronti a scattare in qualsiasi momento.

Qualunque strumento deciderete di usare ci sono alcune regole da conoscere, e questo libro ve le svela tutte.

Si parte subito con la COMPOSIZIONE: che cos’è la composizione? A cosa serve? Disporre gli elementi in armonia nella fotografia significa vedere già il quadro dentro la sua cornice e decidere che storia si vuole raccontare…

Ci sono diversi tipi di composizione che si suddivide in tanti sottogruppi come l’INQUADRATURA che letteralmente vuol dire “mettere nel quadro”, perché la fotografia è un’opera fatta di luce e ombre e tutto al suo interno deve essere perfetto.

I paesaggi, gli oggetti, gli animali e le persone, sono tutti soggetti che richiedono piccole attenzioni per essere fotografati al meglio e intanto impariamo come usare le parole CAMPO che è lo spazio inquadrato, e PIANO che invece si riferisce alla figura umana.

Poi c’è la LUCE, grandissima alleata di qualunque fotografo (fotografia significa proprio “scrittura con la luce”) che, se usata bene, renderà la vostra fotografia ancora più bella. Ci sono tre tipi di luce: frontale, laterale e controluce, e con ognuno si ottengono effetti diversi ma, come dicevo prima, dipende sempre dalla storia che si vuole raccontare.

Infine l’IDEA, perché senza un’idea le foto sarebbero tutte uguali. Ma come sboccia un’idea? Come possiamo sapere se l’idea è quella “giusta”? L’idea nasce soprattutto dalla capacità di osservare e di cogliere dettagli che di solito inosservati: la forma delle nuvole, una rete, un’ombra sull’asfalto, una forma geometrica, una ragnatela gonfia di rugiada, degli ombrelloni allineati, la corteccia di un albero o un manifesto strappato possono diventare qualcosa di unico. Poi trovato il soggetto adatto si può “giocare” con lui: lo si può fotografare da vicino, da lontano, dall’alto, dal basso, in diagonale, in movimento, evanescente o centrato… l’unico limite è la vostra fantasia!

Tanti consigli utili, qualche trucchetto e tantissime immagini da cui prendere spunto per creare la vostra fotografia perfetta anche con uno smartphone.

Un testo pensato dall’autore per i ragazzi ma consigliato anche agli adulti.

Alla fine del libro troverete le indicazioni per realizzare una camera stenopeica, la “nonna” di tutte le macchine fotografiche.

H!

www.ilcastelloeditore.it/

(immagine: la copertina del libro)

INSTAGRAM: instagram.com/ilrosicchialibri

Il Rosicchialibri

I commenti sono chiusi.